La festa della mamma

31793515_1682529235156889_7680287993612992512_nVenerdì scorso abbiamo trascorso un pomeriggio di festa davvero emozionante, celebrando una delle ricorrenze più importanti per l’umanità: la festa della mamma!

La festa della mamma è la ricorrenza che celebra l’amore, il coraggio, la forza, il dolore di tutte quelle donne che danno senso e continuità a questa vita.

Abbiamo pensato di festeggiare, come è tradizione da noi, attraverso la realizzazione di tanti laboratori da condividere con i propri bambini nelle sezioni di appartenenza, in aggiunta abbiamo deciso di offrire  un seminario tematico dal titolo “Mamma sei arrabbiata?”

Il seminario è stato ideato come uno tanti tanti spazi di riflessione che promuoviamo nella nostra comunità educativa.

L’intento è stato quello di creare un contesto in cui condividere efficaci strategie per la regolazione emotiva e il benessere di mamma e bambino, e comprendere come si può essere “brave mamme” anche se a volte capita di arrabbiarsi!”

WhatsApp Image 2018-05-11 at 20.27.43Il seminario ha avuto un taglio teorico-esperenziale, per liberare le tante emozioni conservate nel cuore delle nostre mamme, non sempre felici e positive, sostenendo i momenti di buio, di dolore, di rabbia; è fondamentale per chi come noi si occupa di infanzia e genitorialità, sostenere tutte le emozioni materne poiché  rivestono un importantissimo ruolo, contribuendo alla costruzione di un’identità, di un percorso, che ha tante sfumature, tutte importanti e bisognose di attenzione e rispetto.

Ci teniamo a ringraziare tutte le mamme che hanno partecipato, tutte coloro che volevano partecipare ma che non hanno potuto e quelle che ci hanno semplicemente pensato.

È la forza la caratteristica dello spirito materno, la forza di questo amore capace di abbattere ogni ostacolo, di andare sempre avanti, senza scavalcare, senza aver fretta, ma accompagnando. Questo amore – da cui nasce ogni altro amore – è l’amore materno, perché la maternità non è un’ennesima tecnica da applicare al nostro corpo ma qualcosa che ci trascende, che ci lega misteriosamente all’essenza del nostro esistere. (Susanna Tamaro)

WhatsApp Image 2018-05-11 at 20.27.54 WhatsApp Image 2018-05-11 at 20.26.08 WhatsApp Image 2018-05-11 at 20.26.44

WhatsApp Image 2018-05-11 at 20.27.31 WhatsApp Image 2018-05-11 at 20.27.20 WhatsApp Image 2018-05-11 at 20.25.56

Un ponte “educativo” tra Italia e Giappone

be0d0f45-5570-4d4d-ae5e-ec3c5a9f6bc1Da diversi anni ho avviato un proficuo interscambio culturale con insegnanti, dirigenti e personalità impegnate nelle politiche sociali giapponesi, con lo scopo di condividere strategie psico-educative rivolte a genitori e bambini nella fascia 0-6 anni, percorsi formativi per docenti di nido e scuola d’infanzia e linee programmatiche e organizzative per strutture socio-educative 0-6.

Scrivo di questo quinto appuntamento, avvenuto lo scorso 6 aprile, perché è stato speciale per una serie di motivi:

12464d65-4a05-43e9-ae7e-ec08130c10e6Il primo è legato al periodo dell’anno in cui è avvenuto, ovvero nel mese di aprile, che nella vita e nella cultura giapponese è davvero magico. È il mese della fioritura del Ciliegio, Sakura, fiore dal grande valore simbolico, significa, infatti, gentilezza e primavera. Il ciliegio è anche il simbolo del Giappone e la sua fioritura rappresenta uno degli eventi più importanti della primavera. Il ciliegio possiede una bellezza elegante, sobria e rappresenta perfettamente la caducità della vita, con la sua fioritura breve ma intensa, riassume perfettamente la vanità di ogni cosa: gioventù e bellezza, fama e ricchezza. Hanami, la rituale gita fuori porta per assistere alla fioritura, è una delle tradizioni più sentite dai giapponesi. Dal punto di vista simbolico, dunque, il mese di aprile acquista valore di rinascita, un bell’auspicio per l’educazione, non a caso la scuola in Giappone ha inizio in questo mese.

Il secondo motivo è rappresentato dal fatto che questa volta, la richiesta è pervenuta da parte di quattro donne, tutte membri delle Prefetture giapponesi.

71ad55e9-f871-4e69-9579-964614974b40Il Giappone è suddiviso in 47 Prefetture, ovvero unità amministrative. Il ruolo dei membri delle prefetture, è prevalentemente di tipo politico e si caratterizza dall’offrire alla popolazione residente, informazioni, formazione e orientamento su vari aspetti: economico, lavorativo, occupazionale, imprenditoriale, benessere, istruzione, salute e territorio. Tomoki Yamada (nella foto) per esempio è al suo terzo mandato del Consiglio di Assemblea della Prefettura di Nagasaki (una regione che ha 1,5 milioni di abitanti), è una donna molto impegnata a livello politico, è presidente del Comitato Speciale per il declino della popolazione e misure per l’occupazione economica. È fortemente coinvolta nella promozione del benessere e dell’educazione dei bambini.

50911fb7-e19b-4592-977d-be0bafd6a5c3Il suo impegno verso l’infanzia e il mondo educativo è centrale nella sua azione politica, i suoi slogan sono: investire nell’educazione dei bambini; proteggere la crescita e l’apprendimento di coloro che rappresentano il futuro di Nagasaki; incoraggiare lo studio, l’autosufficienza di persone con disabilità “nel corpo o nel cuore” (in Giappone fortemente stigmatizzate); investire nella creazione di ambienti in cui i bambini possano nascere e crescere con la massima tranquillità; sostenere i progetti e le società di supporto genitoriale; accrescere il sistema di formazione e trattamento degli insegnanti di scuola materna; promuovere l’educazione della prima infanzia; aumentare il numero di strutture di asilo nido; migliorare il trattamento delle educatrici e l’ambiente educativo; promuovere la scuola privata per coltivare personalità ricche; implementare le condizioni e le capacità di crescita dei figli. Anche le altre tre personalità presenti all’incontro, Inoue Kiyoko, Keiko Hakuishi, Yamada Tomoko, hanno ruoli analoghi nelle prefetture di Shimane e Miyazaki.

109119e7-edba-4605-abfe-a977b798e43fCiò che rende ogni volta speciale questi incontri va rintracciato nella ricchezza dello scambio tra due culture e stili di vita così lontani e al tempo stesso così complementari.

Lo stile di vita e la cultura giapponese, verso i quali nutro curiosità e ammirazione, mi hanno sempre ispirato ed avere l’occasione di confrontare il mio lavoro, i miei studi e le mie ricerche con donne cosi impegnate e motivate a migliorare la qualità della vita di bambini e genitori mi rende felice e grata per questa opportunità e soprattutto disponibile a condividere conoscenze e strategie d’intervento, convinta che il dialogo e il confronto siano l’unica strada per crescere nella vita come nel lavoro ed investire nel futuro.

bf55e8a3-d2d3-456f-9dd8-0dd5569c1df8I giapponesi godono di un alto standard di vita, quasi il 90% della popolazione si considera parte della classe media, tuttavia molti studi indicano un basso livello di felicità e di soddisfazione, rispetto alla maggior parte del mondo altamente sviluppato.  I giapponesi sono insoddisfatti della loro vita, il tasso di suicidi è il più alto al mondo (16,7 ogni 100 000 abitanti nel 2017). Questo stato di malessere nella popolazione è stato analizzato da un noto psicoanalista giapponese Takeo Doi (1920– 2009) nel suo libro Anatomia della dipendenza, dove cerca di spiegarne le ragioni, imputandolo al concetto di amae. Amae è un sostantivo usato come parola-chiave per spiegare il comportamento di una persona che cerca d’indurre un genitore, un coniuge, un insegnante o un superiore, a prendersi cura di lei. Il comportamento dei bambini verso i genitori è  l’esempio più comune di amae. Nel mondo occidentale, le pratiche educative,  cercano di interrompere questo tipo di dipendenza nei bambini, mentre in Giappone questa dipendenza continua fino all’età adulta. In Giappone, infatti, il rapporto tra madre e bambino implica che costituiscano un tutt’uno. L’amae è quel sentimento che il bambino prova quando comincia a differenziare sé stesso dal corpo della madre, ma allo stesso tempo sente la sua vicinanza come indispensabile per la sua sopravvivenza.

f08efb66-a97a-4159-a62d-2fdaa3f3bf2aQuesta premessa spiega la natura e la misura del nostro confronto, durante il quale abbiamo dapprima discusso delle diverse culture pedagogiche a confronto: italiana e giapponese, per poi rappresentare scenari psico-pedagogici e prassi educative che possano fare da ponte a due modi così diversi di allevare bambini, con qualche affinità e molte contraddizioni.

L’educazione giapponese è permissiva e indulgente, il comportamento materno è di completa dedizione ed iperprotettivo; il bambino, crescendo, assorbe la consapevolezza della bontà della madre, del suo sacrificio, maturando un sentimento di obbligo nei suoi confronti, che successivamente verrà trasferito in ogni relazione sociale. Anche l’educazione italiana è empatica e responsiva rispetto ai bisogni dei figli, ma appare più equilibrata e adatta ad accompagnare il bambino verso una graduale autonomia, rafforzandone la fiducia e la sicurezza. Mentre il “saper fare” in Giappone è molto incentivato, fin dalla primia infanzia; negli asili i bambini si occupano di ripulire gli spazi dopo le attività, nelle mense scolastiche servono i pasti e lavano i piatti, e dunque, molto efficace per promuovere comportamenti responsabili e pro-sociali. Nella nostra Italia, pur essendo la patria di Maria Montessori, antesignana di questa pratica, è ancora molto difficile l’implementazione di un tale modello pedagogico, così focalizzato sulla responsabilità individuale e l’attenzione al prossimo.

c7f7a17a-7594-4c9c-954c-b09bef219736Questo confronto ci ha condotto a convergere su un nuovo mandato che devono assumere le strutture socio-educative (asili nido, scuole dell’infanzia, istituti scolastici) ovvero quello di accompagnare bambini e genitori verso una crescita comune, con lo sguardo strettamente rivolto ai veloci cambiamenti della società in cui essi sono inseriti.

Parte del nostro tempo è stato dedicato ai bisogni di bambini con disarmonie o difficoltà dello sviluppo, in forte crescita anche in Giappone, dove peraltro vige una politica sanitaria fortemente orientata al trattamento obbligatorio, con prescrizioni prevalentemente di tipo farmacologico, con conseguente etichettamento e stigmatizzazione.

e6ba1fb5-1be9-466d-8087-d1b1d367cf33L’auspicio che abbiamo condiviso è stato quello di far confluire il nostro lavoro verso un’attenzione crescente per lo sviluppo socio-emotivo dell’individuo, che resta a livello globale, l’unica vera rivoluzione, in un mondo in vorticoso cambiamento, nel quale educazione e istruzione non possono che convergere la propria azione nella costruzione di competenze e abilità socio-emotive piuttosto che investire prevalentemente nello sviluppo di conoscenze e abilità cognitive della Persona.

dott.ssa Perla Boccaccini

Direzione Scientifica e Organizzativa

A Me Mi Piace andare all’asilo

Inside Out e il cervello dei bambini

inside OutOggi i bambini della scuola dell’infanzia si sono recati al cinema per vedere, il film in versione originale, INSIDE OUT della Disney Pixar. Il motivo per cui abbiamo pensato di riproporre questo cartone, nella sua versione originale, è in parte legato alla volontà di creare un’esperienza d’immersione nella lingua inglese, in parte per una ragione che coinvolge anche voi genitori e che cercherò di spiegare in questo articolo.

Uno dei motivi per cui mi è caro questo cartone animato, è perché racconta, con un linguaggio semplice e intuitivo, una cosa complessa, ovvero il funzionamento della mente umana. Un altro motivo, è perché le immagini hanno il potere di attivare quella parte del nostro cervello che ci porta a sognare, a sperare e a impegnare noi stessi per crescere e migliorare.

WhatsApp Image 2018-03-29 at 11.30.56Un motivo, che mi è particolarmente caro e si collega al mio lavoro sullo sviluppo di alcune importanti abilità della nostra mente, è perché soverchia tanti preconcetti e luoghi comuni, come quello che ci porta a pensare che il benessere psichico sia basato sull’idea della felicità, un’idea psicologicamente sbagliata; infatti, la protagonista “Gioia” è fortemente coinvolta nell’inibire “Tristezza”. Ma la felicità, è un percorso tortuoso, è un processo lungo ed impegnativo, che attraversa la vita e la complessità delle sue esperienze, accompagnate da una ricca costellazione di emozioni, non sempre collegate alla felicità. Infine, il più importante, è perché contrasta quell’idea scientifica che descrive il nostro mondo interno come un’organizzazione schematica, prevalentemente cognitiva, dove è sufficiente controllare le emozioni per gestirle al meglio. Mi impegno ogni giorno per ribaltare quella teoria della mente che vorrebbe, alla nascita una “tabula rasa”, che comincia ad accumulare ricordi a partire dalla venuta al mondo. I bambini hanno delle competenze straordinarie, pronte ad essere attivate fin dai primi istanti di vita ed il loro cervello è tutt’altro che un contenitore da riempire.

In una frase: cosa succede nella mente di un bambino?

Questa è la domanda a cui Disney Pixar ha provato a dare una risposta. Provateci anche voi, magari insieme ai vostri figli, rivedendo il film insieme. Canale 5, venerdì sera (http://www.mediaset.it/canale5/articoli/inside-out-1-tv_17420.shtmlsera) ci farà questo regalo, proponendo il cartone in prima serata!

Io, invece, cercherò di spiegarvi il cervello dei bambini nel prossimo mese di aprile, infatti ho programmato un seminario rivolto a genitori e educatori, di cui presto pubblicheremo tutti i dettagli.

Intanto vi auguro buona visione e soprattutto buona riflessione!

Perla Boccaccini – Psicologa, Psicoterapeuta, Specialista in Psicologia della Salute e in Progettazione Educativa.

A me mi piace… fare il papà!!!

whatsapp-image-2018-03-19-at-16-08-11“Credo che si diventi quel che nostro padre ci ha insegnato nei tempi morti, mentre non si preoccupava di educarci”

Questa frase di Umberto Eco, mi offre l’opportunità di aprire il seminario:       “A Me Mi Piace…fare il papà” in programma oggi presso il Centro Polifunzionale A Me Mi Piace andare all’asilo.

Il ruolo paterno si è molto trasformato negli ultimi tempi, conducendo il “papà contemporaneo” a vivere con grande partecipazione e coinvolgimento l’arrivo di un figlio. Questo cambiamento non è stato adeguatamente affiancato da spazi di riflessione e sostegno, a differenza di quanto, ormai, accade per la funzione materna. Per questa ragione ho pensato di ricavare un breve incontro, condotto dal dott. Flavio Incarbone, (Giornalista, Dottore in Psicologia, esperto di nuovi media e relazioni interpersonali) rivolto ai soli papà, capace di arricchire di nuovi spunti il percorso di crescita, rinnovandolo di risorse ed opportunità.

IMG-5231Volendo cogliere uno, tra i tanti spunti di riflessione che toccheremo oggi, partirei dalla considerazione che, se c’è qualcosa di negativo del nostro tempo è l’assenza di modelli. Questa frase è ricorrente nella sfera dell’analisi sociologica e psicologica della genitorialità. Il modello, infatti, ispira, plasma, orienta, guida. Ma se c’è qualcosa di positivo nel nostro tempo è l’assenza di modelli, perché la mancanza di un percorso, di una guida, ci spinge alla ricerca, all’osservazione, all’ascolto e alla ricerca dentro di noi di una strada, originale, autentica, personale. La ricerca autonoma e non orientata è più complicata ma indubbiamente trasformativa.

IMG-5236

Pertanto oggi non vi insegneremo a fare i padri, non cadremo in questa tentazione, perché nessuno è in grado di insegnarlo. Forse i migliori maestri potrebbero essere i vostri figli. Ma mi raccomando non cadete anche voi nella tentazione d’insegnar loro, perché impareranno di più dal vostro amore e da ciò che farete nei tempi morti, quando non vi preoccuperete di educarli.

Perla Boccaccini

img-5230Attenti, curiosi, interessati, silenziosi nella prima parte più teorica e descrittiva. Poi incalzanti, pronti a fare domande, sollevare dubbi, cercare di dare risposte nel momento del confronto. È vero: come dice la dott.ssa Perla Boccaccini, i papà non devono cadere nella tentazione di insegnare ai propri figli, perché questi ultimi apprendono molto più dall’amore spontaneo e scevro della preoccupazione di educarli. Così come è altrettanto vero che una cosa, oggi, questi numerosi padri riuniti per la prima volta tutti insieme l’hanno insegnata a noi: a loro piace fare i papà, lo vogliono, lo desiderano, sono pronti a mettersi in gioco oltre che a giocare – e a giocare con sempre più amore – con i propri bambini.

IMG-5234

Perché meno educazione e più amore? Probabilmente educare nel senso più stretto del termine significa da ultimo limitare dall’“esterno” quello che è il potenziale aperto di un bambino. Mentre con l’amore si rinforzano emotivamente – all’“interno” – adattamento, crescita, sicurezza.

Perché l’assenza di modelli può essere presenza di ricerca, sperimentazione e crescita? Perché ogni figlio, così come ogni genitore, è unico di fronte alla vita. Non si può evitare il confronto con se stessi: è necessario cercare di capire chi siamo come persone, come partner, come genitori. Né è possibile delegare questa straordinaria responsabilità, appunto, a un modello…

E anche qui sono ancora loro, i nostri bambini, a venirci incontro: “… i figli, se osservati e ascoltati, sono risorse relazionali straordinarie: ritrovare un padre vero, e non una mera funzione, è un’esperienza di crescita fondamentale per un figlio e ciò rende più fruibile anche il pieno materno, alleggerito finalmente da antiche funzioni vicarianti” (M.Andolfi).

Conoscere i propri limiti e le proprie risorse permette infine di prendere le giuste misure verso una società sempre più tecnologica, digitale, smartphone-centrica, sicuramente più “veloce” ma allo stesso tempo più alienante. Se i papà, anche se in molti casi ancora un po’ troppo analogici, riescono a rappresentare un vero punto di sicurezza per i propri figli – a partire appunto dal proprio amore – questi ultimi possono contare su una solida base per qualsiasi altra difficoltà.

Tutto ciò e tanto altro ancora i presenti al seminario “A Me Mi Piace… fare il papà” lo hanno compreso. Anzi, ce lo hanno fatto capire. Ed è per tale motivo che questo è solo un arrivederci…

PS: un grazie anche a tutte quelle mamme che hanno suggerito o convinto alcuni di loro ad essere qui. Tifare per i propri mariti e viceversa significa infatti fare un gioco di squadra per far crescere bambini felici.

Flavio Incarbone

img-5232

La festa del papà

Cari papà, siamo lieti d’invitarvi lunedì 19 Marzo alle ore 16.30, per festeggiare con i vostri figli la festa del papà e a trascorrere il pomeriggio all’insegna della creatività e del divertimento.
Quest’anno, abbiamo pensato di offrirvi anche un seminario concepito come uno spazio di riflessione sulla funzione paterna, ideato e presentato dalla dott.ssa Perla Boccaccini, Direttrice del nostro asilo e condotto dal dott. Flavio Incarbone, Giornalista, Dottore in Psicologia, esperto di nuovi media e relazioni interpersonali.
Il ruolo paterno si è molto trasformato negli ultimi tempi, conducendo il “papà contemporaneo” a vivere con grande partecipazione e coinvolgimento l’arrivo di un figlio. Questo cambiamento non è stato adeguatamente affiancato da spazi di riflessione e sostegno, a differenza di quanto, ormai, accade per la funzione materna; per questa ragione abbiamo pensato di ricavare, poco prima dell’inizio dei laboratori che svolgerete con i vostri bambini nelle loro classi, un breve incontro, rivolto ai soli papà, che ci auguriamo possa arricchire di nuovi spunti il vostro percorso di crescita, rinnovandolo di risorse ed opportunità.
Per chi volesse partecipare anche al seminario, l’orario d’inizio è previsto per le ore 15,00 ed è richiesta la conferma.
Vi aspettiamo numerosi !

Seminario

È arrivata la felicità

28168478_1609383805804766_2766320567190585816_n 28055791_1609382502471563_4432188066048541478_n 28168812_1609383585804788_9092604143573028413_n 28168803_1609383695804777_235196689828287670_nCarissimi amici, ci avete seguito nella Fiction della Rai “È arrivata la felicità 2″ in programmazione in questi giorni?

Consentiteci di dire che: “Dove c’è la felicità ci siamo noi“, infatti, quest’esperienza è stata una simpatica coincidenza con la Mission del nostro lavoro.

È stato simpatico per noi adulti, ma soprattutto per i bambini, osservare tutte le fasi della lavorazione di un film (fiction in questo caso): osservare gli strumenti del mestiere e comprendere quanto sia difficile e impegnativo il lavoro di tutta la Troupe, compreso quello del cast di attori.

Ci sentiamo di ringraziare la Publispei per la sensibilità e il rispetto mostrato nei confronti dei nostri bambini, che erano eccitatissimi, curiosissimi e desiderosi di conoscere tutto e tutti.

Anche questa è stata un’esperienza di conoscenza e crescita: Evviva la Felicità!!!

16996522_1267785423297941_8262782410903396863_n

OPEN DAY 2016

OPEN DAY 2015

Cari genitori,

siamo lieti di darvi il benvenuto all’ A Me Mi Piace andare all’asilo e come ormai prassi consolidata, invitarvi al nostro Open Day che si terrà il giorno mercoledì 17 Febbraio 2016, dalle 16,30 alle 17,30.

Vi illustreremo l’Identità della Scuola dell’Infanzia: connotazioni metodologiche e didattiche, aspetti strutturali e organizzativi, obiettivi e competenze formative.

Vi aspettiamo numerosi!

OPEN DAY 2015

OPEN DAY 2015

Cari genitori,

siamo lieti di darvi il benvenuto all’ A Me Mi Piace andare all’asilo e come ormai prassi consolidata, invitarvi al nostro Open Day che si terrà il giorno sabato 19 Settembre 2015, dalle 10.00 alle 12.00.

In questa occasione avremo modo di mostrarvi i nostri spazi, presentarvi l’équipe psicopedagogica, il programma didattico, le attività extracurriculari e la nostra Metodologia psico-educativa, illustrandovi obiettivi, modelli teorici di riferimento e linee di sviluppo.
L’occasione permetterà noi di conoscere meglio le nostre famiglie utenti e allargare la conoscenza anche ad altri membri ( nonni, zie, etc) o amici che vorranno accompagnarvi.
Infine questa giornata sarà anche il momento dedicato ad intraprendere e favorire un’ efficace comunicazione, partendo dalla nostra presentazione, dalla divulgazione delle finalità socio-educative, dei principi, delle regole e dei valori all’interno della nostra comunità educativa, con l’augurio che tutto ciò dia vita ad una salda collaborazione, alleanza e responsabilità condivisa.

Cinderella Kids Cake Design Lab

cinderella

Vi aspettiamo per un pomeriggio da favola in compagnia di Cinderella e Dolce Alice…insegneremo ai bambini che con la dolcezza e la gentilezza si possono fare dei capolavori.

images-9

C’era una volta, in un paese lontano, un gentiluomo vedovo che viveva in una bella casa con la sua unica figlia. Egli donava alla sua adorata bambina qualsiasi cosa ella desiderasse: bei vestiti, un cucciolo, un cavallo….. Tuttavia capiva che la piccola aveva bisogno delle cure di una madre. Così si risposò, scegliendo una donna che aveva due figlie giovani, le quali, egli sperava, sarebbero diventate compagne di giochi della sua bambina. 

La fiaba di “Cenerentola” (Cinderella) è un film del 1950 prodotto da Walt Disney basato sulla fiaba di Charles Perrault. 

La sua morale è il coraggio di restare fedeli ai propri sogni e di credere nel valore della propria vita.

La storia non racconta di un percorso di autoaffermazione, tenace e calcolatore o dell’espressione di un sogno narcisistico, ma descrive una speranza, un’autenticità paziente e coraggiosa esaltata dall’incontro e dal rispecchiamento di un’altra persona (il Principe azzurro), un amore capace di vedere in profondità e comprendere il vero valore della persona. La fiaba parla soprattutto a quei bambini costretti a crescere in situazioni di difficoltà e rifiuto, inseriti in storie di vita che possono sembrare apparentemente normali e ordinate. Suggerisce come essi possano conservare, malgrado tutto, il loro desiderio d’amore, il loro valore e la loro speranza.  Inoltre, essa ci dice che, nonostante tutte le contrarietà, un giorno riusciremo a realizzarci e a essere apprezzati per quello che siamo (E. Drewermann).

Di recente sulla favola si sono accesi nuovi riflettori, grazie alla versione portata nelle sale cinematografiche di tutto il mondo da Kenneth Branagh. Un racconto che delinea una supereroina moderna. Quello che colpisce in questa versione è il nome “Ella” derivato dalla scissione di Cinder-Ella, quasi a sottolineare la rottura avvenuta nella vita della protagonista, contrapposta in due esperienze affettive: la bambina felice e amata da mamma e papà e la ragazza declassata a domestica, schernita dalla matrigna e dalle sorellastre invidiose e piene d’odio.

L’analisi psicologica del personaggio operata da K. Branagh ci permette di rivivere per la prima volta, la storia di Cinderella con i due genitori ancora in vita, mostrandoci la possibilità che la bambina ha avuto di sperimentare una base sicura, esperienza fondamentale nella vita di ognuno di noi per costruire relazioni interpretazioni autentiche e fiduciose.  

La reazione alla sofferenza e al dolore rappresentano un altro importante spunto di riflessione di questa versione, che si svela nelle due protagoniste: Ella e la Matrigna. Entrambe, infatti, affrontano un dolore conseguente ad una perdita, ma reagiscono alla sofferenza in modo diverso, Ella ci mostra il senso del costrutto psicologico della “resilienza” cercando un autentico rapporto con sé stessa e con gli altri e trovando la forza per andare avanti e realizzare i propri sogni, mentre Lady Tremaine (La Matrigna), brama, invidiosa,  alla costante conquista di qualcosa che non troverà mai (perché celato dentro di sé), da sottrarre alla figliastra. 

Qui ritroviamo quel motivo fondamentale della fiaba che è quello di trasmettere sicurezza nel proprio futuro. Un processo di crescita, d’individuazione capace d’ispirare e infondere fiducia. 

L’ultimo aspetto,  molto vicino a ciò che studio e applico ogni giorno nel mio lavoro psico-educativo,  è rintracciabile nel testamento psicologico contenuto nelle parole della mamma di Cinderella: “sii gentile e coraggiosa” le fa promettere la donna in punto di morte, incastonando la virtù della gentilezza nell’esperienza di vita della figlia. Ma cosa rappresenta la gentilezza nella storia di Ella? Riconduco la gentilezza in quella abilità che noi psicologi chiamiamo “Empatia” una delle dieci Life Skills indicate dall’OMS (1993) come capaci di migliorare la nostra vita, quella capacità di trarre il meglio dai rapporti umani avvicinandoci agli altri, mettendoci nei loro panni. La gentilezza conduce Ella a provare dignità per sé stessa e per gli altri (io ti perdono, pronuncia alla fine della sua storia, rivolgendosi alla Matrigna), mostrandoci come la gentilezza può offrire senso e valore alle nostre vite. 

Perla Boccaccini 

www.perlaboccaccini.it

cinderella

About our English Summer Camp

About our English Summer Camp

English Summer Camp is a great opportunity in order to learn a second language: children will spend their days enjoying a lot of creative, physical and social activities under the supervision of a staff especially built for them. During summer holidays our Kindergarten will become a funny place where your kids will be little holiday-makers.

English summer camp is dedicated to kids from 3 months to 10 years old and it is organized in homogeneous classes especially for the age. English activities will occur in our wooded and equipped park: swimming-pool, water games, youth Olympic  games and much more…………..

English activities for older kids will take place in the “Fantabosco” and in other spaces: Art, Drama, Music and Cooking laboratory.

Inside our air-conditioned kindergarten, kids can eat, play and sleep with the help of teachers and the steady commitment of a pediatrician and psychologists.

Methodology

papera_bud_bandiera_inglese_det

Our educational methodology is based n the last psycho-linguistic theory. Referring to this theory, kids have to be involved within their learning path. This project aims to encourage the learning of English language skills through music, drama, games and storytelling.

Daily Schedule

07.30-08.30 Welcome

08.30-09.00 Yoga time

9.00-09.30 English time LET’S SING TOGETHER

09.30-10.00 Breakfast

10.00-11.00 English lesson/Soccer lesson/Swimming pool/Playgroups/ Creative Playing Movement/Water Games/ Youth Olympic games/ Baby Dance/ Play-days and much more……

11.00-11.30 Free-play

11.30-12.00 Hocus& Lotus Drama

12.00-13.00 Lunch

13.00-15.00 Sleep or Art lesson

15.00-15.30 Free-play

15.30-16.00 English time with Hocus& Lotus

16.00-16.30 Snack

16.30-17.00 Art lesson / Drama lesson/ Baby dance/ Music lesson/ Storytelling/ “Psicomotricità” lesson/ Cooking lesson and much more…..

17.00-17.30 English time with Hocus& Lotus

17.30-18.00 Storytelling or free time

18.00-19.00 Goodbye

 

 

 

nuotopscalcioIMG_4670

 

 

 

IMGP0101

IMG_6157